Bambini e Stanchezza

da | Lug 13, 2020 | blog | 0 commenti

Come riconoscere la stanchezza nei bambini?

Può capitare che i nostri bambini ci sembrino più stanchi del solito, spossati e senza l’energia che hanno solitamente. Questo può capitare  nei periodi di cambio di stagione oppure verso la fine dell’anno scolastico, oppure in un momento in cui sono particolarmente sotto pressione e sovraccarichi di impegni.

Solitamente  i bambini stessi ad indicarci che sono stanchi: non hanno problemi a dirlo ed è giusto ascoltarli, evitando di minimizzare la cosa o di scambiare questa stanchezza per pigrizia. Sono bambini, e in quanto tali dovrebbero avere molta energia. Se questa manca, allora dobbiamo aiutarli a ritrovarla.

Non sempre però i più piccoli paleseranno a parole la loro stanchezza, e allora dovrà essere bravo l’adulto a cogliere i segnali di stanchezza.

Ma quali sono questi segnali? Il nervosismo è il più evidente. Se il bambino è più incline del solito a fare capricci e bizze, ed ha anche sbalzi d’umore, è probabile che questi comportamenti siano causati dalla stanchezza del piccolo. Altri segnali sono continua sonnolenza e difficoltà nel riuscire a mantenere la concentrazione anche per brevi periodi di tempo.

 

Come combattere la stanchezza del bambino

Innanzi tutto non dobbiamo allarmarci, è normale che i bambini provino stanchezza. Ma noi come possiamo aiutarli per recuperare al meglio le energie?

Il riposo è sicuramente la prima soluzione che ci viene in mente: ad esempio, concedere una settimana di riposo alla fine della scuola, prima dell’inizio dei centri estivi, potrebbe essere un’ottima soluzione, se il bambino alla fine dell’anno scolastico, dovesse dimostrarsi stanco. Oppure, durante l’inverno, concedere un paio di pomeriggi alla settimana “liberi”, nei quali il bambino, dopo la scuola, possa semplicemente giocare e svagarsi.

Anche una corretta dieta sarà un’alleata fondamentale nella lotta alla stanchezza. Per assicurare ai bambini il giusto apporto calorico, e quindi il massimo dell’energia, è molto importante curare la loro alimentazione, assicurandosi che mangino un’adeguata quantità di frutta, verdura ed alimenti ricchi di vitamine e sali minerali, oltre che alla giusta quantità di acqua. Due argomenti che abbiamo già trattato nei due nostri precedenti articoli su dieta e idratazione nel bambino.

Qualora però la stanchezza diventasse cronica, ed il bambino non dovesse trovare giovamenti nemmeno riposando e seguendo una corretta dieta, allora si dovrà contattare il pediatra, per escludere complicazioni più importanti.

 

 

0 commenti

Share This