• Background Image

    Bambini in automobile: strategie per un viaggio sicuro

    24 Novembre 2019

24 Novembre 2019

Bambini in automobile: strategie per un viaggio sicuro

Dal 7 Novembre 2019 sono diventati obbligatori i seggiolini anti abbandono. Sicuramente questo è uno dei buoni risultati della tecnologia avanzata degli ultimi tempi. Quanti bambini avremmo potuto salvare fossero stati brevettati anni addietro. Detto questo però è allarmante rendersi conto di quanto la vita frenetica di questo millennio abbia portato l’essere umano a raggiungere un livello di distrazione tale da provocare addirittura queste tragedie. Ognuno di noi deve impegnarsi in ogni momento alla presenza, non certo solo fisica, ma soprattutto presenza cosciente. I nostri istruttori ed i nostri educatori qualificati sanno bene cosa questo significa. Ogni volta che abbiamo davanti un bambino, figuriamoci un gruppo, un istruttore presente riesce ad avere attenzione, partecipazione, divertimento. Se non lo fosse, regnerebbe il caos.

Un genitore deve altrettanto impegnarsi a vivere ogni momento con i propri figli senza avere la mente altrove, perché il bambino lo sente, resta confuso e capta solo insicurezza.

Tornando al concetto di qualche articolo fa dove si scriveva che dare l’esempio fondamentale nella vita…. in auto questo è di estrema importanza.

Per questo vogliamo trattare oggi questo argomento perché purtroppo pare che ancora non vengano proprio rispettate le buone regole da tutti.

La bizza di un bambino che non vuole allacciare la cintura o che vuole sedersi davanti prima del tempo, non dovrebbe mai e poi mai essere accolta. Tutti i passeggeri dell’auto devono allacciare la cintura, sedere sugli appositi seggiolini a norma, mai tenere in braccio il bambino e soprattutto mai farlo stare in piedi quando l’auto è in movimento. Una frenata improvvisa può essere deleteria e un incidente può essere mortale se non si è tutti assicurati correttamente. Per cui raccomandiamo a tutti i genitori di prestare la massima attenzione a queste importanti regole che possono però salvare la vita.

Maggior rigore nel rispetto di queste regole va applicato ai viaggi lunghi. Per evitare stanchezza e distrazione, dobbiamo sempre metterci in viaggio dopo esserci ben riposati e possibilmente prediligere le ore più fresche e meno trafficate. Soprattutto quando si viaggia con i bambini viaggiare di notte è consigliatissimo, perché si evita la noia e la stanchezza.

Raccomandiamo a voi quindi sempre di considerare la massima sicurezza, come per noi istruttori è importante osservarla ogni volta che organizziamo un’attività, uno sport o una gita, perché ci sta a cuore la vostra salute e quella dei (nostri) ragazzi, con i quali avremo il piacere di divertirci ogni anno nei nostri centri estivi e invernali a Firenze!