Un bambino su quattro sotto i sei anni naviga in internet da solo

Un bambino su quattro sotto i sei anni naviga in internet da solo

I numeri emersi da un’indagine presentata in occasione del congresso della Società Italiana delle Cure Primarie Pediatriche rivelano che un bambino su quattro, sotto i sei anni di età, naviga già in internet da solo, senza il controllo dei genitori.

L’indagine

Vi riportiamo il contenuto di un articolo di skyTG24, che ci offre un interessante spunto di riflessione.

Lo studio, come ha spiegato il coordinatore Giovanni Cerimoniale, membro del consiglio direttivo Siccup, “si è concentrato su bambini da 0 a 14 anni” e in particolare sulle risposte fornite dai pediatri di famiglia di quasi tutte le Regioni italiane, tramite 1.748 questionari anonimi compilati fino al mese di aprile dell’anno in corso. Dall’indagine è emerso che i bimbi si collegano e navigano in internet sempre più da soli con il crescere dell’età. Nello specifico, nella fascia dai 2 ai 6 anni, la percentuale dei bambini che utilizza internet si attesta al 26% e al 65% tra i 6 e i 10 anni. Dato che sale al 94% tra i bambini di età compresa tra 10 e 14 anni. Quanto ai social media, come Facebook, Tiktok e Instagram, sono utilizzati dal 76% dei bambini di età superiore ai 12 anni, dal 25% di quelli tra i 9 e i 12 anni, dal 5% tra i 6 e i 9 e dall’1,5% tra i 3 e i 6.

Numeri importanti, che ci fanno comprendere meglio quanto internet, ed i social network, facciano ormai parte della vita anche dei più piccoli. L’articolo si conclude con degli importanti consigli:

Ciascun pediatra di famiglia ha almeno 5-6 bambini tra i suoi assistiti che è vittima di cyberbullismo. È importante che i pediatri inizino a parlare del corretto uso dei dispositivi digitali sin dalle prime visite”, ha aggiunto, perché “un uso eccessivo e un’esposizione precoce a smartphone e tablet, oltre ad avere gravi ripercussioni sia a livello posturale che a livello neuro evolutivo, aumenta il rischio di esser vittima di bullismo informatico”. Per questo, i pediatri della Siccup invitano i genitori a non fare utilizzare schermi prima dei 3 anni. Nella fascia 3 a 6 anni, invece, quando il bambino ha bisogno di scoprire tutte le sue capacità sensoriali, si consiglia di incoraggiare i più piccoli al gioco tra pari evitando dispositivi digitali. Inoltre, dai 6 ai 9 anni, quando il bambino ha bisogno di scoprire le regole del gioco sociale, non andrebbe consentito l’uso di internet. Infine, da 9 a 12 anni via libera all’uso di internet, ma sarebbe da evitare l’utilizzo dei social.

Il ruolo dello sport nella sana crescita dei bambini

La nostra associazione, Bimbi in Movimento, promuove lo sport senza finalità agonistica tra bambini e ragazzi a Firenze e in Toscana. Perché, per noi,  lo sport è un potente strumento educativo, fondamentale per la crescita dei più giovani a livello motorio, emotivo, sociale e cognitivo.

Dal 2005 organizziamo centri estivi a Firenze che mettono lo sport al centro della crescita dei bambini. Ogni estate ci prendiamo cura del divertimento e dell’educazione di centinaia di bambini che le famiglie ci affidano attraverso numerose attività sportive.
Accanto ai centri estivi offriamo altre attività: centri invernali durante le vacanze natalizie, campus residenziali a tema sportivo in località di mare o di montagna, progetti nelle scuole, corsi di skateboard e pattinaggio nel weekend, ed altro ancora.

I dati della statistica riguardanti l’utilizzo di internet da parte dei bambini è preoccupante, ma riteniamo che attraverso lo sport, l’attività fisica e motoria, sia possibile “allontanare” i bambini dagli schermi, insegnandoli fin da piccoli il piacere del movimento, dello stare all’aria aperta, delle interazione con gli altri. Non è nostra intenzione demonizzare internet e le apparecchiature elettroniche, bensì il loro precoce ed esagerato utilizzo; riteniamo quindi che grazie allo sport si possano fornire nuovi stimoli ed interessi nei bambini, che li portino quindi a preferire la pratica sportiva, il gioco motorio, al navigare su internet o stare seduti davanti ad uno schermo.

 

Grande Italia ai mondiali di nuoto

Grande Italia ai mondiali di nuoto

Una grande Italia si piazza al terzo posto del medagliere dei mondiali di nuoto 2022, dietro soltanto ai “giganti” USA e Cina.

La XIX edizione dei Campionati mondiali di nuoto si è svolta dal 18 giugno al 3 luglio  a Budapest, in Ungheria.

Per l’Italia si è trattato dell’edizione del mondiali che ha battuto tutti i record per le nazionali della Federnuoto: terza nel medagliere dietro a Stati Uniti e Cina con 9 ori, 7 argenti e 6 bronzi.

Medagliere complessivo
  1. Stati Uniti 18 ori, 14 argenti, 17 bronzi, tot 49
  2. Cina 18 / 2 / 8, tot 28
  3. Italia 9 / 7 / 6, tot 22
  4. Australia 6 / 9 / 4, tot 19
  5. Canada 3 / 5 / 6, tot 14
Le medaglie azzurre

ORO (9)
N. Nicolò Martinenghi nei 100 rana
N. Thomas Ceccon nei 100 dorso
N. Benedetta Pilato nei 100 rana
N. Gregorio Paltrinieri nei 1500
N. Staffetta 4×100 mista con Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi, Federico Burdisso e Alessandro Miressi
F. Gregorio Paltrinieri nella 10 km
F. Dario Verani nella 25 km
A. Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero nel tecnico del misto
A. Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero nel libero del misto

ARGENTO (7)
N. Nicolò Martinenghi nei 50 rana
N. Benedetta Pilato nei 50 rana
A. Highlights con Domiziana Cavanna, Lida Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Gemma Galli, Marta Iacoacci, Marta Murru, Enrica Piccoli, Federica Sala e Francesca Zunino
F. Gregorio Patrinieri nei 5 km
F. Domenica Acerenza nella 10 km
T. Chiara Pellacani e Matteo Santoro nel mixed 3m
PNM. Settebello con Marco Del Lungo, Francesco Di Fulvio, Luca Damonte, Matteo Iocchi Gratta, Andrea Fondelli, Giacomo Cannella, Luca Marziali, Gonzalo Echenique, Nicholas Presciutti, Lorenzo Bruni, Edoardo Di Somma, Vincenzo Dolce, Gianmarco Nicosia. All. Sandro Campagna.

BRONZO (6)
N. Staffetta 4×100 stile libero con Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo
N. Simona Quadarella negli 800 stile libero
A. Libero combinato con Gemma Galli, Domiziana Cavanna, Linda Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Marta Iacoacci, Marta Murro, Enrica Piccoli, Federica Sala e Francesca Zunino
A. Squadra nella routine tecnica con Domiziana Cavanna, Linda Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Gemma Galli, Marta Iacoacci, Marta Murru ed Enrica Piccoli
F. Staffetta 4×1500 con Ginevra Taddeucci, Giulia Gabbrielleschi, Domenico Acerenza, Gregorio Paltrinieri
F. Giulia Gabbrielleschi nei 5 km

Il nuoto nei nostri centri estivi

Il nuoto è un grande protagonista della nostra estate non soltanto per le prodezze degli atleti ed atlete italiane! Infatti fa parte dei nostri centri estivi grazie alle nostre piscine ad uso esclusivo presenti presso le strutture del centro estivo Palacoverciano e del centro estivo Calasanziane.

Infine, per completare l’offerta dei nostri centri estivi 2022 a Firenze non potevano mancare i corsi di nuoto: questi ultimi sono inseriti all’interno del programma del centro estivo Emmerschool; che unisce appunto il nuoto, lo sport e l’inglese, e vengono svolti presso la piscina H2O di Firenze.

Vi aspettiamo quindi ai nostri camp, per fare un tuffo in allegria, e festeggiare i grandi risultati dell’Italia ai mondiali di nuoto!

Consigli per proteggere i bambini dai colpi di calore

Consigli per proteggere i bambini dai colpi di calore

In questi giorni Firenze (ma in generale tutto il nostro Paese), è colpita da una eccezionale ondata di calore, caratterizzata da temperature elevate, al di sopra dei valori usuali di questo periodo dell’anno.

I rischi di effetti negativi sulla salute dipendono, oltre che dalla sua intensità, soprattutto dalla durata del periodo di caldo eccessivo. I neonati e i bambini piccoli in circostanze di questo tipo, possono essere esposti al rischio di un aumento eccessivo della temperatura corporea e a disidratazione, con possibili conseguenze dannose sul sistema cardiocircolatorio, respiratorio e neurologico.

Il rischio del colpo di calore

Il grande rischio al quale si va in contro quando ci si torva in queste situazioni metereologiche è il famoso “colpo di calore”.

Il colpo di calore può essere causato da temperature elevate e climi umidi o da un’attività fisica molto intensa esercitata in ambiente caldo-umido. La caratteristica principale del colpo di calore è l‘innalzamento della temperatura corporea a valori pari o superiore a 40 °C. In queste condizioni, vi può essere, nausea e vomito, pelle arrossata talora con perdita della capacità di sudorazione, respirazione o battiti cardiaci accelerati, mal di testa, crampi o debolezza muscolare, stato confusionale e perdita di conoscenza.

In caso di sospetto colpo di calore è fondamentale cercare immediatamente l’aiuto di un medico. In attesa del suo arrivo è necessario cercare di abbassare la temperatura corporea:

  • spostando all’ombra la vittima del colpo di calore e togliendo gli abiti in eccesso;
  • con impacchi freddi sulla testa, sul collo, sotto le ascelle e all’inguine;
  • vaporizzando, se possibile, dell’acqua sul corpo per facilitare l’abbassamento della temperatura cutanea attraverso i processi di evaporazione.

Come proteggere i bambini dal caldo e prevenire il colpo di calore

Per prevenire l’insorgenza di un colpo di calore, e proteggere i bambini dal caldo, vogliamo condividere con voi alcuni consigli utili pubblicati sul sito del Ministero della Salute, per prendersi cura dei bambini durante un’ondata di calore :

  1. In ambienti chiusi, vestire i bambini in modo molto leggero, lasciando ampie superfici cutanee scoperte.
  2. All’aria aperta, in spiaggia o in piscina, evitare l’esposizione diretta al sole (soprattutto nelle ore più calde della giornata, ovvero dalle 11 alle 18), applicare sempre prodotti solari ad alta protezione sulle parti scoperte del corpo e proteggere il capo con un cappellino.
  3. I bambini sotto i sei mesi di vita non devono essere mai esposti al sole diretto.
  4. Limitare attività fisica all’aperto durante le ore più calde.
  5. Fare in modo che i bambini assumano sufficienti quantità di liquidi, evitando le bevande fredde.
  6. Preparare per i bambini pasti leggeri, preferibilmente a base di frutta e verdura e fare attenzione alla conservazione dei cibi.
  7. Non lasciare mai i bambini chiusi in autovetture o locali che possono surriscaldarsi, nemmeno per poco tempo.
  8. Chiamare immediatamente il soccorso medico, se il bambino manifesta qualcuno dei seguenti sintomi: nausea, vomito, debolezza muscolare, affaticamento, mal di testa, stato confusionale, febbre. Potrebbe trattarsi di un colpo di calore.
  9. I bambini con problemi di salute sono particolarmente sensibili alle ondate di calore e, pertanto, quando fa molto caldo necessitano di maggiori attenzioni. In particolare, i bambini con malattie cardiache, circolatorie, respiratorie o polmonari (come l’asma) devono evitare di frequentare parchi o aree verdi nei grandi centri urbani, nelle ore più calde della giornata.

Le nostre attenzioni durante i centri estivi

Durante i nostri centri estivi 2022 a Firenze poniamo particolare attenzione alla salute dei bambini e delle bambine che frequentano i nostri camp, soprattutto in queste condizioni di caldo anomalo. Ci premuriamo quindi di far bere frequentemente i più piccoli, scegliamo le attività ed i luoghi in cui svolgerli per evitare lunghe esposizioni al sole (soprattutto nei momenti più caldi della giornata) ed anche il menù della mensa viene modificato per non risultare troppo pesante e difficilmente digeribile.

L’utilizzo delle nostre piscine esclusive, presenti nei nostri centri Palacoverciano e Clasanziane, ci consente poi di far rinfrescare i bambini e le bambine più volte al giorno, ma sempre in modo divertente!

Il nostro intento è quello di proporre il miglior centro estivo possibile: un luogo sicuro e divertente per i bambini, dove possano trascorrere piacevoli giornate di sport e giochi, offrendo un servizio di qualità e sicurezza alle famiglie.

La prima settimana di centri estivi 2022

La prima settimana di centri estivi 2022

Si è conclusa la prima settimana dei nostri centri estivi 2022 a Firenze e vogliamo raccontarvi com’è andata!

Questa prima settimana di centri estivi 2022 ha visto attivi tre camp: il centro estivo Calasanziane, il centro estivo Palacoverciano ed il centro estivo itinerante bimTOUR. Fino a fine mese saranno attivi soltanto questi tre centri, e poi da luglio si aggiungeranno alla nostra offerta anche i camp rivolti esclusivamente ai bambini delle scuola dell’infanzia: il camp Emmerschool ed il camp Kinderschool; con attività in inglese con inseganti madrelingua e scuola di nuoto.

Filo conduttore il divertimento

Ma torniamo alla settimana appena conclusa. Con grande gioia abbiamo riabbracciato bambini e bambine che già negli anni passati avevano frequentato i nostri centri, ed abbiamo fatto anche tante nuove conoscenze, con bimbi che per la prima volta hanno partecipato ad uno dei nostri camp.

I nostri centri si differenziano per programmi ed attività proposte, ma tutti hanno un unico filo conduttore: il divertimento. Attraverso lo sport e le attività motorie, vogliamo rendere la settimana di centro estivo un’esperienza divertente ed una opportunità di crescita per i bambini.

Camp Palacoverciano

Il centro estivo si svolge nella struttura sportiva del Palacoverciano e di quella comunicante dell’IGM per un totale di 7150mq all’aperto e di 1850mq al chiuso.

Le attività sono:

  • TENNIS
  • BIKE
  • PARKOUR
  • BEACH SPORTS
  • MIXED MARTIAL ARTS
  • PISCINA
  • SKATE
  • CALCIO
  • BASKET
  • PATTINAGGIO FREE STYLE
  • SFIDE SPORTIVE
  • PING-PONG
  • CALCIO BALILLA

Tante le attività svolte quindi, con ogni bambino che  ha potuto provare sport mai praticati in precedenza, facendo nuove esperienze e stringendo nuove amicizie, grazie alla suddivisione in gruppi omogenei per età.

Centro Estivo Itinerante bimTOUR

Dopo il successo delle edizioni 2020 e 2021, mettendo sempre al centro dell’attenzione la sicurezza dei bambini, confermiamo a grande richiesta la nuova formula di centro estivo itinerante anche quest’anno ricco di NOVITÀ: Piscina, Rugby, Tree climbing ed Acrobatica!

Nonostante il caldo anomalo di questo mese di giugno i bambini e le bambine del bimTOUR, in sella alle loro biciclette, sono andati alla scoperta dei più bei parchi fiorentini, svolgendo tante attività sportive uniche e divertenti, come il rafting sull’Arno, il parkour, le arti marziali ed il rugby! Per concludere poi la settimana con un bel tuffo rinfrescante in piscina.

Camp Calasanziane

Frutto della collaborazione con tra la scuola delle Calasanziane e Bimbi in Movimento, il centro estivo, che è alla sua ottava edizione, ha luogo nella struttura scolastica dell’Istituto delle Calasanziane, circondata da un grandissimo parco di più di 5000 mq di grandezza e dotata di due campi esterni per l’attività motoria, due palestre interne e una sala giochi doppia.

Le attività svolte questa settimana:

  • Calcio
  • Basket
  • Parkour
  • Ping Pong
  • Calcio Balilla
  • Judo
  • NOVITÀ di quest’anno:
    – Piscina e Beach-sports presso il centro sportivo del Palacoverciano
    – Rugby presso l’impianto della Società Firenze Rugby 1931

Pronti per una nuova settimana

La prima settimana si è conclusa ma è già tempo di iniziarne una nuova! Domani vi aspettiamo ai nostri centri, per nuove avventure, giochi ed attività, per divertirci insieme e rendere unica la vostra estate in città!

Finisce la prima parte del progetto “Sport per Tutti” nelle scuole fiorentine

Finisce la prima parte del progetto “Sport per Tutti” nelle scuole fiorentine

Finisce l’anno scolastico, e con la scuola termina anche la prima parte del progetto “PON METRO 14-20 – potenziare e innovare lo sport per tutti: sport nelle scuole”, all’interno di quattro scuole primarie del Quartiere 2 di Firenze, al quale hanno preso parte i nostri istruttori.

Cos’è il programma PON METRO

Il Programma Operativo Nazionale “Città Metropolitane 2014 – 2020”  è stato adottato dalla Commissione Europea con Decisione C (2015) 4998 del 14 luglio. Il Programma a titolarità dell’Agenzia per la Coesione Territoriale supporta le priorità dell’Agenda urbana nazionale e, nel quadro delle strategie di sviluppo urbano sostenibile delineate nell’Accordo di Partenariato per la programmazione 2014-2020, si pone in linea con gli obiettivi e le strategie proposte per l’Agenda urbana europea che individua nelle aree urbane i territori chiave per cogliere le sfide di crescita intelligente, inclusiva e sostenibile poste dalla Strategia Europa 2020.

Il Progetto “sport nelle scuole”

Il progetto del Comune di Firenze “Potenziare e innovare lo sport per tutti: sport nelle scuole” è cofinanziato con il contributo dell’Unione Europea.

Il suo obiettivo è stimolare e promuovere l’educazione motoria e sportiva, con attività di educazione fisica e la pratica del “gioco sport” ai bambini e bambine delle scuole primarie come forma educativa di aggregazione e di inclusione.

Il progetto è rivolto alle bambine e bambini delle classi terze della scuola primaria ed ai portatori di disagi e/o disabilità presenti nelle classi dalla prima alla quinta. È prevista un’ora di attività settimanale per ogni classe.

I contenuti della proposta sono essenzialmente legati alle attività di educazione motoria; tra gli obiettivi anzitutto quelli di migliorare la motricità generale degli alunni, realizzare attività che prevedano percorsi di inclusione dei bambini con bisogni educativi speciali e con disabilità e favorire anche la formazione sul campo degli insegnanti di classe.

Le esperienze dei nostri istruttori

I nostri sette istruttori, impegnati nelle quattro scuole, per un totale di ben 35 classi, alla fine di questi due mesi di progetto, hanno raccolto feedback positivi da parte delle insegnanti e dei bambini, che si sono detti impazienti di riprendere con le lezioni di educazione motoria il prossimo anno scolastico.

I nostri esperti hanno avuto a che fare con bambini di varie età, alcuni dei quali portatori di disabilità di diverso tipo, adattando i loro interventi ai bisogni specifici dei vari bambini e bambine, ma sempre con l’idea di includere tutto il gruppo classe all’interno della varie attività, sempre in modo dinamico e divertente.

L’attività motoria si è dimostrata un potente strumento per l’inclusione e la collaborazione, oltre che fondamentale per il corretto sviluppo psicofisico, e siamo felici di essere riusciti a soddisfare le richieste ed i bisogni delle insegnanti e degli alunni delle classi che abbiamo seguito.

Pronti per le vacanze

Se da lunedì i bambini saranno in vacanza, lo stesso non si può dire dei nostri istruttori: iniziano infatti i centri estivi 2022 a Firenze!

Con una proposta varia e dinamica, i nostri centri estivi 2022 si apprestano ad aprire ed accogliere i bambini e bambine che trascorreranno la loro estate (o parte di essa) in città; per farli divertire attraverso lo sport, con tantissime attività motorie e sportive differenti.

Vi aspettiamo quindi a partire da lunedì 13 giugno in tutti i nostri centri estivi, per l’estate migliore che ci sia: in movimento!

Come fare attività fisica insieme ai propri figli

Come fare attività fisica insieme ai propri figli

Svolgere attività fisica fa bene alla salute e aggrega: prova anche tu, ecco qualche idea per soddisfare grandi e piccini.

Muoversi è il modo migliore per scaricare la tensionedivertirsi in modo sano e fare gruppo. Tutto ciò vale anche in famiglia: facendo movimento insieme, genitori e figli si mantengono in forma e si sentono più uniti proprio grazie allo sport. Inoltre, l’attività fisica previene il sovrappeso infantile, ma fa bene anche alla salute degli adulti.

Imparare insieme un nuovo sport

Per un bambino iniziare ad andare in bicicletta, pattinare o nuotare per la prima volta è un’emozione incredibile. Ed imparare a farlo insieme ai proprio genitori sarà ancora più bello. Anche gli adulti, però, possono riscoprire quella speciale adrenalina rimettendosi alla prova con un nuovo sport. Farlo con i propri figli, poi, diventa un’avventura impagabile. Da provare in famiglia sono l’equitazione, l’arrampicata, gli sport d’acqua (wakeboard, surf, windsurf); ma anche lo skateboard e “nuovi” sport come il padel.

Ottimizziamo gli spostamenti

Il tragitto casa-scuola-lavoro diventa spesso una sfilata di musi lunghi, arrabbiature e lamentele: imbottigliati nel traffico o sopra un autobus, grandi e piccini si innervosiscono molto durante gli spostamenti. Perché allora non cambiare questa routine quotidiana? Se e quando possibile, logicamente, preferire spostamenti a piedi, in bicicletta o con skateboard e monopattini renderà quei momenti della giornata più rilassanti e divertenti; contribuendo al benessere psicofisico di tutta la famiglia.

Vivere gli spazi verdi della città

Un tuffo nel verde con i figli è la soluzione più gettonata per trascorrere insieme pomeriggi o intere giornate nel weekend. Oltre alla possibilità di fare bicicletta, giocare a palla e correre, si può scegliere un luogo che offra anche qualcosa in più. Sono sempre più numerosi, infatti, gli spazi verdi urbani dove trovare vere e proprie attrezzature per il fitness a cielo aperto, così come percorsi “vita” (spalliere, travi, pertiche) per mettersi alla prova tra esercizi e giochi di equilibrio. Il parco diventerà così una palestra per genitori e figli a costo zero e senza limiti di orario o di età.

Soprattutto per quanto riguarda il vivere gli spazi verdi, la nostra associazione, che da più di dieci anni si occupa di realizzare centri estivi sportivi a Firenze, per bambini dai 3 ai 14 anni, si impegna a promuovere uno stile di vita sano ed ecologico, e grazie al centro estivo itinerante bimTOUR permette ai bambini di scoprire i più bei parchi fiorentini, sempre spostandosi in bicicletta su percorsi sicuri.