Disabilità: una prospettiva diversa tramite lo sport

da | Mag 28, 2020 | blog | 0 commenti

Osserviamo insieme gli aspetti positivi che lo sport può dare a chi è affetto da disabilità e tutti i vantaggi che comporta la pratica sportiva

 

Ormai è risaputo quanto la pratica motoria e sportiva giovi a bambini e ragazzi: essa infatti  migliora la consapevolezza del proprio corpo attraverso l’apprendimento di nuovi schemi motori, promuove l’autonomia personale, incrementa le opportunità di socializzazione e contribuisce allo sviluppo dell’autostima; il tutto mediante l’osservazione ed il rispetto delle regole.

Ed è proprio per i motivi appena elencati che è importantissimi che ragazzi e bambini affetti da disabilità prendano parte ad attività sportive.

Inoltre la presenza di un bambino affetto da disabilità sarà motivo di arricchimento e di nuove opportunità di apprendimento da parte del gruppo di cui farà parte: infatti, mediante la pianificazione e la gestione delle varie attività, si potrà raggiungere una giusta integrazione del soggetto nel gruppo, elevando a valore le reciproche diversità.

Bimbi in Movimento promuove lo sport senza finalità agonistica ed in questa nostra filosofia si incastra perfettamente l’inserimento della disabilità: infatti ogni bambino che frequenta i nostri corsi, o centri estivi ed invernali, è libero di esprimersi al meglio delle proprie possibilità e capacità, senza l’ansia del raggiungimento della performance o del risultato, inteso come vittoria sugli avversari.

E quindi la disabilità, almeno in ambito sportivo, prende una prospettiva diversa: quello che nelle attività quotidiane viene vissuto come un limite, una difficoltà, diventa solo il proprio modo di giocare, di esprimersi, di svolgere l’attività proposta; che se sapientemente guidata dall’istruttore può diventare un’opportunità di incredibile crescita psicofisica, sia per il singolo che per tutto il gruppo.

0 commenti

Share This