Nuoto, quando lo sport è salute

da | Ott 1, 2020 | blog | 0 commenti

Tra gli sport consigliati per i bambini, specie per i piccolissimi, spicca su tutti il nuoto. Ma i vantaggi e benefici per la salute derivanti da questa attività sono veramente così tanti? In questo articolo andremo a vedere quali sono effetti positivi del nuoto per i bambini.

I benefici del nuoto

Per iniziare, come risaputo, il nuoto è tra gli sport più completi: ovvero durante il suo svolgimento vengono richiamati ed interessati tutti i principali gruppi muscolari del corpo. Da questo deriva un globale miglioramento della struttura muscolare del bambino.

Anche la coordinazione corporea è positivamente influenzata dalla pratica del nuoto, grazie al movimento combinato e simultaneo di tutte le parti del corpo. Inoltre, grazie al controllo della respirazione durante le fasi del nuoto, si rafforzano anche cuore e polmoni.

Fin’ora abbiamo visto quali sono gli aspetti fisici che beneficiano della pratica del nuoto, ma non è solo una questione di corpo, perché il nuoto giova anche alla psiche del bambino!

Per i bambini, soprattutto per i più piccoli, uno dei momenti più difficili è quello del superare la paura dell’acqua. Una volta superato questo ostacolo iniziale, il bambino acquisterà grande fiducia in se stesso, con un notevole incremento dell’autostima.

La lezione di nuoto è un’occasione per il bambino di rilassarsi e socializzare, grazie all’ambiente favorevole, coccolato nell’acqua calda, in un ambiente “protetto”, staccato dal resto del mondo, il bambino si trova a svolgere un’attività piacevole e divertente, insieme ad altri coetanei.

Quando iniziare?

Sono molti quindi gli aspetti positivi del nuoto per lo sviluppo psicofisico dei bimbi,  ma qual’è l’età giusta per iniziare?

Quando l’attività è praticata da un neonato, non parliamo di un vero e proprio corso di nuoto, poiché ci si limita a piccoli movimenti e brevi apnee, ma è comunque consigliato, e sempre più frequente, far svolgere attività in acqua già dai primi mesi di vita.

Per quanto riguarda invece i corsi di nuoto veri e propri, già a partire dai 3-4 anni è possibile iscrivere i propri figli.

 

Nuoto = salute

In conclusione, possiamo affermare che uno sport come il nuoto svolga un importante ruolo nel raggiungimento, e mantenimento, dell’equilibrio psicofisico del bambino. Grazie a questa attività, che per il bambino è sicuramente molto divertente ed appagante, è possibile migliorare e rafforzare molti aspetti fisici e psicologici.

Per questi motivi bimbi in movimento fa del nuoto un’attività principale, sia all’interno dei propri centri estivi, sia durante i centri invernali, svolti nel periodo delle vacanze natalizie, presso la struttura di Tropos a Firenze, che al suo interno offre proprio la presenza di una piscina.

 

 

 

 

 

0 commenti

Share This